fbpx

Crisi Coronavirus: l’e-commerce rappresenta la vera soluzione per il tuo business

Vista la recente situazione di pandemia e la conseguente crisi economica il nostro Paese è a lavoro sullo sviluppo di tecnologie innovative per tutti, dallo smart-working alle video lezioni per università e scuole di quasi ogni ordine e grado

In questo articolo ci concentreremo principalmente sullo sviluppo dell’e-commerce e su quanto possa effettivamente rappresentare una via di sviluppo concreta per il proprio business

Logistica dell’e-commerce durante la situazione di emergenza internazionale

Il settore della logistica per l’e-commerce è un settore centrale anche quando si parla della gestione di situazioni di emergenza.
In Cina, l’epidemia da Coronavirus (Covid-19), in alcune aree, ha messo a dura prova l’approvvigionamento di materiale sanitario. Per supportare il governo e la popolazione sono scesi in prima linea Alibaba e JD, due colossi dell’e-commerce cinese, che hanno messo a disposizione le loro reti logistiche e i loro magazzini.
Alibaba e JD si sono rivelate particolarmente utili nel trasporto e nella distribuzione di tutto quel materiale sanitario arrivato in Cina attraverso donazioni. Le due piattaforme di e-commerce hanno permesso la consegna nelle zone rosse dell’epidemia di: 40 tonnellate di cibo, 30 tonnellate di flebo per endovena, 5 milioni di maschere, 500.000 guanti, 40.000 set di indumenti protettivi, 20.000 occhiali di protezione e 7.000 casse di disinfettante. Numeri che mostrano l’entità della rete di distribuzione messa in atto. Questa operazione di trasporto e distribuzione è stata possibile anche grazie all’uso della tecnologia. Alibaba ha infatti creato una piattaforma in grado di abbinare i magazzini con le merci donate con i luoghi che necessitavano quei beni.
La logistica 4.0 mostra ancora una volta l’efficacia dell’incontro del know-how logistico con la tecnologia.

Perché dovresti aprire uno spazio e-commerce adesso

  • Il tuo sito di vendita online è sempre aperto.
    Un vantaggio dello shopping online è la possibilità di acquistare in qualunque momento della giornata, senza limiti di giorni e di orario. Si tratta di un privilegio non solo per l’acquirente, che può scegliere in tutta calma quando effettuare i propri acquisti, ma anche per il venditore che non si vede mai costretto ad aprire o chiudere fisicamente le serrande del proprio negozio. Su un sito e-commerce non esistono giorni feriali e festivi ed è possibile gestire gli ordini con estrema facilità, anche durante brevi periodi di inattività. Inoltre, per vendere online non è necessario possedere un magazzino: molti scelgono il dropshipping, il nuovo sistema di vendita che consente di delegare direttamente al fornitore i processi di imballaggio e spedizione.
  • Moltiplica le tue possibilità di business.
    Se sei una piccola-media impresa probabilmente la tua attività sarà legata ad una determinata area territoriale, se sei una grande azienda o una multinazionale avrai sicuramente un raggio di azione più vasto.
    Che si operi a livello locale, nazionale o internazionale, essendo una realtà più o meno strutturata, resta un dato di fatto: non si potrà mai essere ovunque con la stessa efficienza, ma con Internet sì. Con un e-commerce puoi ampliare il tuo bacino di utenza, farti conoscere anche all’estero e conquistare nuove fette di mercato.
    Non è raro il caso in cui si presentano nuove interessanti opportunità di business. Si tratta perciò di un canale da non sottovalutare, soprattutto oggi, dove la competitività tra aziende si misura anche in click.
  • Risparmio.
    I costi per avviare e mantenere un e-commerce sono inferiori rispetto ad un negozio tradizionale.
    Per mandare avanti l’attività non è necessario affittare un locale. Anche allestire la propria vetrina online è più semplice creando delle categorie, inserendo i prodotti e aggiungendo descrizioni dettagliate con immagini ad alta risoluzione.
  • Profilazione del target e implementazione di nuove strategie.
    Attraverso un canale di vendita online puoi monitorare gli acquisti.
    Oggi la rete mette a disposizione di privati e aziende moltissimi strumenti di web analytics per avere una visione completa dell’andamento delle vendite, ma non solo.
    Attraverso un sito e-commerce è possibile monitorare i percorsi realizzati dagli utenti, i prodotti più visualizzati, le transazioni effettuate e acquisire preziose informazioni per profilare il target. Attraverso un’attenta analisi dei dati acquisiti e del target è possibile comprendere l’efficacia di ogni singola campagna e implementare nuove strategie commerciali, ancora più efficaci. I trend degli acquisti online dimostrano che la diffidenza che ha caratterizzato il periodo iniziale dell’e-commerce ha lasciato spazio ad una maggiore fiducia nelle transazioni online.

L’impennata delle vendite online in Italia

L’epidemia fa volare l’e-commerce. I prodotti di largo consumo venduti online sono aumentati dell’81%, circa 30 punti percentuali in più rispetto alla settimana precedente e nonostante i gli aumenti di prezzo “fuori controllo” sulle principali piattaforme di shopping online.
Fa il punto sul picco di consumi online un’analisi firmata Nielsen, secondo cui l’emergenza contagio spinge a doppia cifra anche le vendite della Grande Distribuzione Organizzata che nella settimana compresa tra lunedì 24 febbraio e domenica 1 marzo hanno fatto registrare un forte trend di crescita rispetto alla stessa settimana del 2019, con un’impennata del 12,2%.
I maggiori trend di crescita sono i discount (+17,8%), seguiti subito dagli Specialisti Drug. Anche i supermercati crescono a doppia cifra (+14,6%).
L’emergenza Coronavirus sta mostrando risvolti inattesi anche sul fronte dell’uso di Internet: non solo e non più mezzo per reperire informazioni ma anche strumento per gestire la vita quotidiana. L’impennata delle vendite online è la cartina tornasole della capacità della popolazione di saper fare di necessità virtù. E anche i meno avvezzi all’uso della rete stanno dimostrando di essere in grado di passare all’azione velocemente senza particolari difficoltà: nelle aree in quarantena e non solo è aumentato il ricorso all’acquisto online di generi alimentari, ma anche per prodotti di altro genere. E c’è da attendersi dunque anche sul fronte e-commerce un’inedita svolta nel nostro Paese.

Roberto Cerino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X