Cashback: come risparmiare su un acquisto trattenendo una percentuale sulla spesa

C’è chi, erroneamente secondo me, per esigenze di marketing lo chiama “guadagnare spendendo”, perché come definizione è oggettivamente più accattivante, ma sarebbe più appropriato definirlo “risparmiare spendendo”.

Immaginate l’ipotesi nella quale avete la possibilità di acquistare un prodotto per 100€ e di quei 100 trattenete una piccola percentuale, magari 2€, andando così a spendere 98€, di conseguenza il vostro portafoglio ne sarebbe contento perché, da qualunque ottica lo guardiate, avrete sempre 2€ in più rispetto a prima: benvenuti nel mondo del cashback.

Struttura del business

Come la maggior parte dei trend, anche quest’ultimo arriva dagli States, ma ormai è diventato molto italiano in quanto molto praticato in Italia. Il suo nome è cashback, e consiste in un programma di incentivi all’acquisto che restituisce una quota della spesa, sotto forma di denaro. Sì avete capito bene: oggi retailer, grande distribuzione e piccoli negozianti, dopo essersi scervellati per anni a suon di promozioni, super sconti e ricchi premi, sono disposti a pagarvi pur di risollevare i consumi. I primi a lanciare queste soluzioni sono stati gli operatori delle carte di credito: ogni acquisto effettuato corrisponde un ristorno, pari una cifra compresa tra lo 0,5 e il 2% della spesa, sul conto del cliente. Con lo sviluppo del digitale e dell’ecommerce, il cashback si è diffuso in tutti gli ambiti del commercio e sono nate piattaforme di comparazione di prezzi e prodotti che, tramite convenzioni, offrono programmi di incentivi all’acquisto fino al 10% della spesa. Nel 2015 l’industria del cashback valeva già 84 miliardi di dollari secondo l’unico report disponibile sul tema, The Cashback Industry Report. E ora il fenomeno sta prendendo piede anche in Italia: ci sono piattaforme che comparano prezzi e promuovono offerte di cashback, in qualche caso anche programmi di welfare aziendale, oltre a convenzioni con società sportive come Roma o Spal, per esempio.

Lyoness, il grande cashback network

Lyoness è il grande network di acquisto creato dall’austriaco Hubert Freidl, è presente in 47 Paesi e può contare su 120mila esercizi commerciali convenzionati, più di 300mila punti di accettazione della carta e oltre 6milioni di iscritti al programma Cashback. Questo significa che se aderisci a Cashback, non risparmi solamente in Italia, ma anche all’estero gli acquisti effettuati con la tua carta Cashback, in un negozio del circuito, ti danno diritto ad un rimborso sul conto corrente. L’intuizione da cui è partito tutto è semplice, e si basa sul fatto che ogni giorno tutti noi facciamo acquisti. Compriamo generi alimentari, vestiario, viaggi, acquistiamo servizi e prestazioni professionali. Le grandi catene investono molto denaro in marketing e comunicazione, per farsi conoscere e per fidelizzare i clienti. Di sicuro, anche nel tuo portafogli ci sono molte carte fedeltà, che ti danno diritto a sconti e premi se torni a comprare in un determinato posto: il fondatore di Lyoness ha immaginato che ci potesse essere un’unica carta fedeltà, valida in tutto il mondo e che invece di darti diritto ad uno sconto, ti garantisse il riaccredito in conto corrente di una percentuale della spesa sostenuta. Il riaccredito delle somme spese può arrivare sino al 5%, ma i vantaggi sono anche altri. Ogni volta che fai un acquisto guadagni degli Shopping Points, che sono punti che ti danno diritto ad ulteriori sconti sino al 50% su alcuni prodotti e servizi, e in più hai a disposizione i Bonus Amicizia, sugli acquisti delle persone che inviti a far parte di questa grande community. E come se non bastasse, puoi trasformare la tua Cashback Card in una carta Lyoness prepagata aderente al circuito Mastercard, che ti dà diritto a ulteriori vantaggi sugli acquisti effettuati, anche in negozi che non sono convenzionati con Lyoness.

Come guadagnare con il cashback

Questa nuova frontiera di possibile guadagno ti attira? Basta aderire al programma Cashback, registrandosi o sul sito cashbackworld.com ricevendo una Cashback Card digitale o, effettuando la registrazione in un negozio convenzionato, riceverai una Cashback Card plastificata relativa al negozio dove è avvenuta la registrazione, potendo anche completare la registrazione come Cashback World Flyer, avendo il diritto ad una Card valida in tutto il mondo. Lyoness in particolare ti dà l’opportunita di guadagnare anche dal marketing del suggerimento, ovvero quell’idea di marketing basata su quello che facciamo comunemente, cioè suggerire e consigliare amici e conoscenti: Lyoness attraverso i buoni amicizia, ti offre la possibilità di ottenere una piccola percentuale sugli acquisti effettuati dai tuoi amici su tuo suggerimento, nei negozi convenzionati Cashback. Ti permette anche di poter trasformare il tuo impegno nel marketing del suggerimento in un’attività lavorativa autonoma, permettendoti di incrementare i tuoi guadagni lavorativi. Ti propone infatti, di diventare Lyconet Marketer e creare un tuo network, dandoti tutti gli strumenti per iniziare e organizzare una tua rete di affiliati. Il tuo network ti permetterà di ottenere guadagni passivi (derivanti dal lavoro della rete), che si andranno ad aggiungere ai guadagni attivi che ottieni con i tuoi acquisti diretti. Il programma di Lyoness per i Lyconet Marketer prevede diversi gradi di carriera, cui corrispondono diversi guadagni. Tu devi prima organizzare il tuo network e poi fare in modo che cresca. Qui però è giusto dare i dovuti chiarimenti: come riporta il sito del Codacons: “L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per 3.200.000 euro il sistema di promozione utilizzato dalla società Lyoness Italia S.r.l. A seguito di un complesso accertamento, è risultato infatti che la società ha adottato un sistema di vendita piramidale che utilizzava la formula di acquisto di beni con cashback. Il sistema di promozione si sostanzia nel reclutamento di un numero elevato di consumatori ai quali viene richiesto, dopo aver assunto la veste di incaricato alle vendite, di pagare una fee di ingresso particolarmente elevata per accedere al primo livello commissionale (pari a 2.400,00 euro) e iniziare la “carriera” come Lyconet Premium Marketer.” Quest’attivita quindi non preclude problemi legali, e l’attenzione con cui si va a scegliere di entrare a far parte della community di Lyoness deve essere sempre alta, al fine di evitare truffe e problemi vari.

Maurizio Fazzini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X