Amazon: dal garage al worldwide gestendo un portafoglio prodotti milionario

Disponibile anche in Italia da ormai quasi nove anni, il colosso dello shopping online si conferma da tempo leader mondiale nel settore dell’ e-commerce. Scopriamo allora come Amazon è riuscito a sbaragliare la concorrenza.

Amazon è un sito Internet che permette di acquistare libri, computer, videogames, accessori per la casa e molto altro ancora a prezzi decisamente convenienti.  In più, consente anche di vendere prodotti, in modo simile a quanto è possibile fare su Ebay e altri website. La modalità di fruizione della piattaforma è piuttosto intuitiva e, una volta creato un account, si ha accesso alle varie funzionalità di vendita e acquisto. Inizialmente, Amazon.com nasce unicamente come libreria online, ma dopo poco, il suo fondatore Jeff Bezos decide di ampliarne il mercato. I libri sono prodotti poco costosi e che possono essere spediti senza danni, ma di nicchia. Ecco l’intuizione di Bezos: in realtà, non esiste niente che non possa essere venduto su Amazon. Da qui, il negozio online diventerà il più famoso al mondo, avrà una sua società di consegne e sarà anche una casa editrice, avendo in mente due obiettivi fondamentali: mettere la soddisfazione del cliente al primo posto e diventare un punto di riferimento della logistica mondiale.

I PUNTI DI FORZA

PREZZI BASSI. Sin dai primi tempi, l’azienda si è distinta per la competitività dei prezzi dei prodotti in vendita, e ad influire sulla tariffa delle merci non è soltanto la mancanza di una filiale o il costo che comporta avere un negozio fisico. Amazon si pone al di sopra di ogni altro competitor proprio perché non essendo richieste ulteriori percentuali sulla vendita, vende i prodotti a prezzi molto inferiori rispetto al negozio. Questo tipo di competitività ha permesso di imporsi sulla concorrenza senza danneggiare il fatturato: d’altronde, l’azienda deve gran parte del suo valore alle altre modalità con cui riesce a guadagnare, come ad esempio i servizi cloud.

SERVIZI CLOUD. Amazon ha dato vita a servizi digitali di ogni genere: Amazon Cloud Drive permette di caricare contenuti su un cloud online, per un massimo di 5 GB per utenti basic, e fino a 1000 GB tramite la sottoscrizione ad un abbonamento annuale. Il Cloud Player permette di caricare in rete fino a 250 brani musicali in versione gratuita, così da poterli ascoltare in streaming senza occupare memoria sul dispositivo elettronico. Inoltre, Amazon affitta spazio web, analisi e potenza di calcolo ad altre compagnie. Si tratta di servizi digitali estremamente fruttuosi all’azienda e convenienti per il cliente:  Netflix, ad esempio, è ospitata completamente nel cloud di Amazon, come anche Ryanair.

PRODOTTI A MARCHIO PROPRIO. Il primo business di Amazon sono stati i libri: con il lancio del Kindle, il lettore di libri digitalizzati, la società conferma la sua supremazia nella nicchia di partenza. Dal 2007, quando Kindle nasce come un semplice dispositivo con schermo e-ink pensato per la lettura, l’ebook reader si è evoluto fino a trasformarsi in una nuova categoria di tablet. Ancora una volta, oltre alla praticità di acquistare subito un libro e di poterlo portare con sé senza alcun peso o ingombro, il prezzo si rivela estremamente conveniente. Infatti i libri venduti sul Kindle Store in versione digitale costano meno  di quelli venduti in libreria. Lo stesso, in scala ridotta, si può dire per i dispositivi stessi. Esiste poi Amazon Echo, dispositivo dotato di un’intelligenza artificiale, Alexa. Per permettere ai clienti di provare i prodotti prima di comprarli, e accrescere l’interesse all’acquisto, Amazon ha aperto dei negozi Pop-up nei centri commerciali statunitensi: i gadget dotati dell’assistente vocale Alexa e gli e-reader sono disponibili all’utilizzo.

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE ALLA BASE DEL BUSINESS

La vera forza di Amazon risiede però nel servizio di consegna. L’azienda ha infatti adottato una politica di spedizioni low-cost, la quale permette di ricevere un prodotto gratuitamente se superiore di prezzo a 19 euro. In caso contrario la cifra da pagare rimane comunque contenuta, appena 2,80€ circa. Inoltre chi è cliente abituale ha la possibilità di abbonarsi ad Amazon Prime, un servizio aggiuntivo, gratis per il primo mese, per ricevere i propri acquisti in soli 2-3 giorni e gratuitamente, oppure in un giorno solo pagando pochi euro in più. L’operatività di Amazon è sorprendente: in caso di disguidi o di un articolo non disponibile, non esita a rimborsare totalmente, o a regalare qualcosa o fare movimenti di merce di ogni tipo pur di accontentare il cliente. L’obiettivo dell’azienda è quello di comprendere le necessità del consumatore per evolversi al fine di soddisfarle. Infatti, un altro elemento che distingue fortemente Amazon dal resto dei venditori è lo straordinario servizio clienti: è disponibile un servizio di assistenza 24h su 24h da contattare tramite telefono, chat e mail, gratuitamente. Effettuando poi il reso del prodotto entro 30 giorni dalla data di acquisto, si può ricevere indietro tutta la somma versata, pagando soltanto le spese di spedizione per il ritorno.

ALTRI SERVIZI UTILI

Dalla continua evoluzione di Amazon nascono servizi sempre più innovativi: negli Stati Uniti per esempio, è stato testato AmazonGo, negozio senza casse o code, che registra ciò che entra nel carrello e all’uscita addebita il costo della spesa sulla carta di credito registrata.
Per permettere a un numero sempre maggiore di persone la fruizione dei servizi Amazon, dalla collaborazione tra l’azienda e la banca Synchrony Financial nasce il progetto Amazon Credit Builder che consente l’accesso ad una carta di credito anche a chi ha conti medio bassi o non ha un conto in banca. Questo programma di credito, valido da giugno 2019 negli Stati Uniti favorisce chi rimane escluso da alcuni servizi forniti dalla compagnia, come per esempio quello di AmazonGo. La carta offre dei finanziamenti speciali su alcuni prodotti e consente la rateizzazione di alcuni articoli.

È evidente dunque che la chiave del successo del sito internet sta nella convenienza, che quando è associata ad un’assistenza efficiente, non può che garantire al cliente un’esperienza positiva. Ciò che conta è proprio il giudizio del consumatore e Amazon lo sa bene: ha capito come soddisfarlo, ottenendo la supremazia indiscussa nel settore dell’e-commerce.

Eleonora Taddei

1 commento su “Amazon: dal garage al worldwide gestendo un portafoglio prodotti milionario”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.