fbpx

Rebranding: cos’è e quali benefici può apportare alla tua società.

In una società che cambia velocemente quanto è importante per un brand stare al passo coi tempi? Il rebranding a volte può essere l’unica soluzione.

Cos’è

Il rebranding è un processo che permette, ad un marchio o ad un prodotto, di essere rimesso sul mercato con una nuova identità. Il rebranding, anche detto processo di rivitalizzazione del marchio, rientra fra le strategie di marketing. E’ quasi sempre un processo sia grafico che psicologico. Attraverso specifici studi sulla comunicazione grafica, ovvero come un determinato simbolo, carattere e colore viene percepito dagli occhi del pubblico, vengono trovarte delle “Linee guida” che serviranno a costruire una versione migliore del marchio. Il processo di rebranding si divide in totale e parziale. Nel primo caso i cambiamenti sono radicali e coinvolgono il logo, il nome, il marketing e le politiche pubblicitarie di una società. Nel secondo, invece, viene coinvolto solo un prodotto o una parte circoscritta dell’azienda.

Esempi 

Solitamente i rebranding avvengono a seguito di alcuni eventi o necessità, come ad esempio il bisogno di eliminare un immagine negativa del brand, dopo una rovinosa perdita di quote sul mercato, o una crisi economica. Ad esempio, McDonald’s all’inizio degli anni ‘90-2000 è stato vittima di una potente campagna contro il cibo-spazzatura, e il suo logo di allora venne inevitabilmente associato ad un ristorante privo di igiene e a basso costo, il rebranding fu necessario a salvargli la reputazione. McDonald’ s infatti cambiò il suo colore da rosso a verde, un colore che rimanda alla natura, e ha incluso nei suoi menù cibi freschi e salutari. Altro esempio di un rebranding perfettamente riuscito è Apple. La mela di steve Jobs infatti ha sempre avuto un debole per l’eleganza e il minimalismo. Per trasmettere un immagine che fosse fedele a queste sue prerogative, con l’avvento del nuovo millennio la società ha cambiato nome da “Apple computer” a semplicemente “Apple” e il suo logo già stilizzato è diventato di un colore neutro.

Come può esserti d’aiuto 

Spesso, se un’idea non funziona bene, o una società che nessuno ritiene banale fatica a partire, la colpa è da attribuire a come il brand viene presentato sul mercato. Affinché si venga notati, infatti, il brand deve essere più “Fresh” possibile. Come abbiamo visto con McDonald’s e Apple, entrambi sono stati costretti a cambiare il proprio logo, il primo per adattarsi ad una cultura di massa sempre più green e salutrare, il secondo per adattarsi ad una società sempre più dinamica e con poco tempo a disposizione. Nel 2015 Microsoft condusse uno studio sulla soglia d’attenzione, su 112 soggetti analizzati emerse che la soglia d’attenzione media che prestiamo ad una pubblicità è di circa otto secondi. Dunque, in otto secondi la vostra idea deve entrare negli occhi del pubblico, e, possibilmente rimanervici impressa. Più sarà pulito e facilmente leggibile il vostro prodotto è più sarà notato.

Camillo Cipolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X