Work Life Choice Challenge: l’iniziativa di Microsoft che riduce la settimana lavorativa a quattro giorni

Il test che vede in prima linea l’interesse dell’azienda per la salute dei lavoratori si rivela una strategia di produzione vincente.

L’esperimento effettuato ad agosto da Microsoft in Giappone ha avuto risultati estremamente positivi sia sulla salute dell’aziende che su quella degli impiegati. La settimana corta ha avuto come immediata conseguenza un boom nella produttività a dimostrazione del fatto che troppo lavoro non è sinonimo di massima produzione, ma solo di poca salute.

Il superlavoro.

Di cosa si tratta? In Giappone gli abitanti conoscono perfettamente il significato del termine superlavoro, in una società sempre più frenetica e di corsa lo stress è una conseguenza inevitabile che spesso può culminare in un vero e proprio burnout, un collasso emotivo che può essere anche alla base di casi di Karoshi, termine giapponese che indica la morte per troppo lavoro. “Il Giappone è uno dei pochi paesi in cui questa categoria, le cui principali cause mediche sono attacco cardiaco dovuto a sforzo e stress, è riportata nelle statistiche delle cause di morte”. La causa alla base di questo fenomeno sono le quasi ottanta ore di lavoro straordinario richieste dalle aziende al mese, inoltre spesso sono ore di lavoro non retribuite. Questo causa ai lavoratori gravi conseguenze emotive, infatti in Giappone molti impiegati spendono i giorni di ferie lavorando e provano ansia quando smettono. In base alla teoria della produzione più è il lavoro impiegato, mantenendo costante il capitale impiegato, meno crescerà la produttività, sempre meno che proporzionalmente fino a decrescere. Questo è proprio ciò che sta succedendo alle aziende giapponesi dove, secondo i dati dell’OCSE, si registra la produttività più bassa tra le nazioni del G-7.

Come incrementare la produzione?

Secondo la teoria della produzione maggiore è l’impiego di lavoro in un industria e sempre minore sarà l’output prodotto e la qualità dell’output, l’impiego del lavoro riguarda sia il numero di impiegati che il numero di ore complessive del lavoro. La situazione ideale sarebbe quella che riesce a vedere bilanciati il capitale impiegato ( per salari, macchinari…) ed il numero di impiegati e le ore di impiego. Microsoft considerando questo aspetto fondamentale dell’economia ha applicato alla lettera quanto teorizzato dalla teoria della produzione cercando di raggiungere un livello ottimale incrociando lavoro e capitale e concentrando la produzione solo in quella direzione. I risultati sono eccezionali tant’è vero che l’esperimento fatto da Microsoft in Giappone prevede l’adozione del weekend lungo e la riduzione della settimana lavorativa da cinque giorni a quattro. L’iniziativa Work Life Choice Challenge è “un modo per promuovere un equilibrio più salutare tra lavoro e vita privata”. Nel periodo della prova è stato registrato un incremento del 40% della produttività misurata in termini di vendite di ogni singolo lavoratore. Limitando le ore di lavoro totali, la durata delle riunioni e migliorando il rapporto dei lavoratori col proprio impiego, permettendo di godere più tempo da impiegare nella vita privata e migliorare il proprio stato d’animo, l’azienda è riuscita ad avere solo feedback positivi da questa esperienza che verrà ripetuta in futuro.

Microsoft.

Si tratta di una delle aziende leader mondiali nel settore informatico e tra le maggiori produttrici di software al mondo per fatturato e capitalizzazione azionaria. I prodotti principali sono il sistema operativo Windows, le console di gioco Xbox One o Xbox 360 , gli smartphone Lumia e tanti altri prodotti che usiamo ormai nella vita di tutti i giorni. Il lavoro dietro ai prodotti è talvolta eccessivo e grava molto sulla vita degli operai, anche per questo motivo l’azienda nella sua sede a Tokyo ha avviato un progetto rivoluzionario per la sede stessa. La settimana breve è stata introdotta per tutto il mese di Agosto 2019 e prevedeva un giorno di ferie in più pagato per tutti gli impiegati. L’esperimento ha dato modo di dimostrare che i lavoratori più sono sereni, meglio lavorano. Questo è osservabile dai grafici che mostrano la produttività dell’estate 2019 messa a confronto con l’estate 2018. L’obiettivo principale di Microsoft è la crescita che prevede maggiore cura dei dipendenti in modo tale da poter innovare i prodotti e sfruttare la tecnologia per migliorare l’esperienza dei consumatori in tutto il mondo.

Giuseppina Napolitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X