Realtà aumentata: la nuova incredibile frontiera del business

Il marketing, con l’innovazione tecnologica portata dalla cosidetta terza rivoluzione industriale, sta fondando molti suoi processi su di essa. In particolar modo in molti pensano che il futuro del marketing possa essere la realtà aumentata.

La realtà aumentata consente di dare al consumatore/elaboratore la possibilità di arricchire la sua percezione sensoriale facendogli cogliere informazioni che vanno al di là dei 5 sensi. Tale tema è però soggetto a contrastanti riflessioni. Molti si interrogano sul fatto che una tecnologia del genere sebbene , da una parte potrebbe “potenziare” l’uomo, dall’altra potrebbe disumanizzarlo. Nel mondo del Buisness possiamo certamente affermare che c’è stato un sorprendente miglioramento portato da queste tecnologie.

L’innovazione nel mondo della Moda

Nel mondo della moda la prima novità in questo senso è stata portata dal “camerino virtuale”: applicazione che permette ai consumatori, spesso ancora titubanti sugli acquisti di abbigliamento online, di “provare” i capi selezionati. Nei periodi di saldi, e ancor più nel periodo segnato dal Covid-19, avere la possibilità di non dover andare in negozio appare come una “facility” davvero molto comoda. Sebbene sia difficile fare un’analisi quantitativa su come l’introduzione della realtà aumentata in questo contesto sia stata recepita dai consumatori, possiamo certamente affermare che l’impatto è stato parecchio positivo. Oltre all’innovazione portata dal camerino virtuale utilizzabile in pochi click da smartphone e laptop, Mango, Vodafone e Jogotech hanno sviluppato uno specchio iterattivo capace di mostrare al consumatore il capo d’abbigliamento scelto indicandogli anche accessori e gadget da acquistare congiuntamente. Mango, brand spagnolo, ha iniziato un interessantissimo processo di innovazione che potrebbe cambiare in maniera determinante l’impomente mercato della moda.

Meglio dei telefoni: visori e occhiali

Sono tante le imprese che stanno investendo nella realtà aumentata: solo sullo store IOS si contano ben 2000 app disponibili che la utilizzerebbero. La realtà aumentata che era nata esclusivamente per il gaming è oggi tassello fondamentale nel mondo business.
Giganti come Facebook, Google o Amazon si stanno servendo non solo degli schermi dei telefoni, ma anche di visori, o più elegantemente di occhiali, per dare all’utilizzatore la possibilità di esaminare in 3D l’oggetto della ricerca. Tuttavia, senza andare troppo lontano, anche in Italia una start-up chiamata “GlassUp” sta investendo in questo mercato proponendo una geniale alternativa tutta “made in Italy“.

Rischi di un mondo inesplorato

La realtà aumentata, che nel mondo del business si sta affermando sempre di più, appare tanto intrigante quanto spaventosa. Si avrà la possibilità di visitare il mondo dal proprio divano, ma non solo; si avrà la possibilità di vivere disturbi per comprenderne a pieno le sensazioni (esclusivamente visive) di coloro che ne sono afflitti, si pensi alla possibilità di vivere la “demenza”. I problemi e i rischi legati ad un mondo cosi nuovo sono molteplici. Tra i più salienti appare fondamentale menzionare la violazione dei dati; rischi di carattere fisico: le persone dopo l’utilizzo potrebbero sentirsi disorientate; e mentale, come depressione e solitudine.

Gianluca Pirulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X