Cinque punti da smarcare per costruire una strategia sui social media

Quali sono i passi giusti da fare per creare una strategia efficace, che si sposi con le nostre ambizioni?

Bisogna considerare come prima cosa che alla base di ogni lavoro ben riuscito, che sia la preparazione di un esame, di un operazione finanziaria o quando si parla di social management c’è una strategia. Ma strategia non è altro che organizzazione ragionata, deve essere lineare e semplice da attuare (anche se le operazioni che si svolgeranno per portare a termine il lavoro complessivo non sempre lo saranno)! Quando si parla di marketing si parla necessariamente di strategia e se si vuole ottenere una crescita nel settore che ci interessa questa non può mancare,  anche se in effetti  agire senza un organizzazione significa seguire una strategia, quella di fallire clamorosamente!

Impostare la durata della strategia

La strategia si configura come complesso di decisioni volte a raggiungere uno scopo, dipende direttamente dall’ambiente in cui si lavora, tende a rinnovarsi e a variare in base agli stimoli esterni. Il mondo circostante, specialmente quello dei social, è dinamico e dinamica deve essere la strategia adottata dal social media manager.  Tenendo quindi presente la velocità con cui cambiano i parametri che caratterizzano il web, le strategie devono coprire necessariamente un periodo di breve durata (anche se in generale riguardano periodi di lunga durata). Questo particolare permetterà l’attuazione di strategie con un impronta sempre nuova che ci permetteranno di mantenere costante la nostra visibilità e di ottenere sempre il massimo risultato in seguito alla loro attuazione.

Scegliere i settori in cui operare

Ottenere più visibilità sui social non significa solo apparire, non significa solo avere dei followers. In realtà significa essere dei personaggi pubblici, diventando i maggiori portavoce di quello che si ha da offrire, subendo quindi tutto lo stress che ne deriva. Tenendo presente questo aspetto la scelta del settore in cui operare, dell’oggetto da trattare deve essere fatta vagliando le ipotesi che più si avvicinano al nostro normale stile di vita, in modo da poter giocare in casa e non cedere alle eventuali pressioni.

Conoscere l’ambiente di competizione

Creare una strategia vuol dire voler gestire i rapporti che ha un attività con l’ambiente in cui opera. Che si stia lavorando per gestire una pagina Facebook che riguarda la vendita di scarpe oppure un profilo Instagram di un food blogger, dobbiamo tener presente che non siamo i primi a farlo e che non stiamo creando niente di nuovo, come sopravvivere quindi? Prima di creare l’intera strategia e di cimentarsi nel lavoro sui social media è bene conoscere tutto ciò che riguarda l’oggetto dell’opera che faremo sui social, ambiente in cui la competizione è sempre più alta e sempre presente. Non bisogna mai distogliere lo sguardo, quindi, dall’obbiettivo centrale di chi decide di cimentarsi nel lavorare sul web: avere una sempre maggiore visibilità.

Scegliere le modalità d’azione

A questo punto inizia a configurarsi una gerarchia di scelte da compiere nell’evolversi del nostro operare. Come valorizzare al meglio il mio brand e perché è migliore degli altri? Il processo di management consiste nel formulare dei punti da perseguire per permetterci di realizzare le migliori performances in un ambiente saturo di competizione. La reazione che potrebbe avere un attività nei confronti degli stimoli del proprio ambiente può essere di attesa ( si ha una reazione solo in seguito ad un cambiamento dell’ambiente), anticipatorio ( risposta anticipata rispetto ad un evento che sta per verificarsi), proattivo ( intuitivo, si avvertono i cambiamenti che stanno per manifestarsi). La reazione non è sempre immediata, la stessa strategia realizzata non è necessariamente quella deliberata inizialmente. La stessa pianificazione della strategia non fa la strategia.

Valutare l’impatto della Strategia

Una volta formata racchiude e realizza i punti pianificati nel processo di management, quindi la strategia ci da un vantaggio competitivo che consiste nell’ottenere un profitto maggiore rispetto ai concorrenti. Una strategia che riguarda i social media non può non avere come scopo principale l’aumento delle visualizzazioni e dei likes. Ragionando in questo senso sarà necessario essere proattivi e anticipativi così da attirare l’attenzione del pubblico in modo dinamico seguendo i cambiamenti dell’ambiente con un fare sempre nuovo e innovativo, e talvolta causando lo stesso cambiamento.

Giuseppina Napolitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.