fbpx

Instagram sfida TikTok: in arrivo la nuova funzione Instagram Reels

Instagram lancia la nuova funzione Instagram Reels per contrastare la crescente popolarità del social network cinese: ecco di cosa si tratta.

Dopo che TikTok ha raggiunto il miliardo e mezzo di download da App Store e Google Play a novembre, non sorprende che Zuckerberg e soci si siano messi all’opera per contrastare l’ascesa del gigante cinese e la fuga di utenti – soprattutto giovanissimi – dalla piattaforma. Esattamente come avvenuto in passato con Snapchat, Instagram Reels imita in tutto e per tutto le caratteristiche di maggiore successo del competitor. Per il momento la nuova funzione è stata lanciata solo in Brasile, ma qualcosa fa presagire che, come è già accaduto con la rimozione dei like, si tratterebbe di una fase di test e l’aggiornamento potrebbe essere esteso presto anche ad altri paesi.

Instagram Reels: che cos’è

Instagram Reels consente di creare brevi video di 15 secondi a cui gli utenti possono aggiungere una traccia audio presa in prestito da un altro video o un sottofondo musicale. Per quanto riguarda il montaggio, la piattaforma mette a disposizione dell’utente una serie di strumenti di editing per inserire testi, piccole transizioni e regolare la velocità, ma non i filtri video e gli effetti speciali tipici del social network cinese. Una volta terminata la fase di editing, il video è pronto per essere condiviso nelle Stories – comprese quelle in evidenza – o in Direct.
La possibilità di inviare i video in privato o scegliere di condividerli solo con una ristretta cerchia di amici rappresenta il principale punto di forza di Instagram Reels. In questo modo, infatti, anche gli utenti più “timidi” possono sfruttare la funzionalità senza dover necessariamente avere un profilo pubblico, entrando a far parte di una nuova schiera di creator più autentici e genuini. Per i contenuti invece pubblici è stata creata la raccolta “Top Reels” all’interno della sezione “Explore“, dove sarà possibile vedere i video che hanno generato più engagement e che potrebbe favorirne la viralità sia all’interno che all’esterno dell’applicazione stessa.

Le analogie con il competitor: TikTok

Nonostante qualche differenza, sono tante – forse troppe – le analogie con la piattaforma cinese, tanto che lo stesso Robby Stein, product director di Instagram, ha ammesso ai microfoni di TechCrunch: «Penso che Musically prima e TikTok poi abbiano il merito di aver reso popolare questo format […]. Tuttavia, non esistono due prodotti esattamente uguali e, alla fine, condividere un video con un sottofondo musicale è un’idea universale a cui pensiamo possano essere interessati tutti. La sfida è stata rendere tutto questo un format unico per noi».
Nulla di nuovo se si pensa alle parole che qualche anno prima Kevin Systrom, allora CEO della piattaforma, aveva usato riferendosi a Snapchat per parlare del lancio delle Instagram Stories. Tuttavia, il contesto sembra essere diverso e TikTok sembra essere cresciuto molto più del previsto, decisamente di più rispetto a quanto abbia fatto Snapchat nel 2016. La domanda sorge dunque spontanea: basterà anche questa volta integrare funzionalità pressoché identiche per arrestare la folle corsa di un competitor come TikTok?

Perché si parte dal Brasile?

Sicuramente la scelta del paese in cui testare la nuova funzionalità non è casuale. Secondo i dati diffusi a febbraio 2019 da Hootsuite, il Brasile è il terzo paese al mondo per numero di utenti iscritti a Instagram e vanta una community con una profonda cultura musicale e una spiccata propensione alla creazione dei contenuti. Se si considera poi che i brasiliani non sono ancora completamente ossessionati da TikTok – come invece è accaduto in altri mercati in via di sviluppo come l’India – non è difficile immaginare cosa abbia spinto l’azienda a scegliere proprio il Brasile come primo paese per la fase di test. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Zuckerberg, si sta «provando a vedere se si riesce a far funzionare Reels in paesi in cui TikTok non è già così diffuso […]. Instagram ha già utilizzato questa strategia di internazionalizzazione per lanciare le Stories quando Snapchat non era ancora così diffuso e ha funzionato sorprendentemente bene».

Roberto Cerino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X