TikTok: quindici secondi di creatività e informazione

Con un incremento di valore pazzesco durante il lockdown dettato dal Covid19, il social network ideato dall’ imprenditore cinese Zhang Yiming è stata una rivelazione inaspettata nell’intero globo. Con piu di 40 milioni di utenti attivi giornalieri, l’algoritmo di proprietà della multinazionale tecnologica cinese ByteDance targetizza i clienti per creare un feed di contenuti che possa tenerli costantemente incollati allo schermo.

Come riportato da Forbes Tik Tok è l’App piu scaricata nel gennaio 2020, e per ben comprendere il significato di questi dati basti pensare che Tik Tok è stata in grado di superare i numeri di colossi come Whatsapp, Facebook e Instagram, tutti sotto il monopolio dell’ormai noto Zuckemberg.

Un CEO creativo

Il social è gestito da Kevin Mayer, imprenditore statunitense che vanta una carriera brillante: laureatosi presso il MIT, e con un MBA alla Harvard University, aveva assunto il ruolo di chairman per Walt Disney Direct-to-Consumer & International prima di ricevere tra le mani l’amministrazione di un social potenzialmente innovativo.
Non solo adolescenti e giovani popolano Tik Tok però. Infatti dalla musica alla cinematografia sono tante le “celebrities” che utilizzano quotidianamente il social cinese (tra gli altri Justin Bieber, Cardi B e Will Smith)

Collab house


I tiktoker hanno dato vita alle Collab house, riprendendo il fenomeno nato nel 2014 con Youtube.
Le Collab house sono delle case nelle quali gli influencer del social cinese vanno a vivere per poter ispirarsi l’un l’altro, migliorare la qualità dei loro video e dare vita a collaborazioni e challenges, in grado di fargli guadagnare followers, likes e visualizzazioni.
Uno tra i tiktokers piu di spicco, Thomas Petru, che vanta poco meno di 6 milioni di seguaci, ha rilasciato una dichiarazione al “Wall street Journal” in merito all’Hype House, enorme villa per i creatori di Tik Tok a Los Angeles.
You can’t come and stay with us for a week and not make any videos, it’s not going to work. This whole house is designed for productivity. If you want to party, there’s hundreds of houses that throw parties in L.A. every weekend. We don’t want to be that. It’s not in line with anyone in this house’s brand. This house is about creating something big, and you can’t do that if you’re going out on the weekends” è stata la sua comunicazione.

Quantità e qualità

Sul social, contrariamente a quanto si pensa, si possono trovare tanti contenuti interessanti e di rilievo Proprio per puntare non solo sulla quantità ma anche sulla qualità dei contenuti, l’impresa ha recentemente lanciato EDUtiktok, un’iniziativa di diversificazione, ampliamento e miglioramento dei contenuti.
Su Tik Tok ci sono anche molti i medici, in gergo chiamati “Doctoker” che con più leggerezza e simpatia sensibilizzano l’attenzione degli utenti sulle malattie sessualmente trasmissibili e sul tema Coronavirus.

Gianluca Pirulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it Italiano
X